Mario Più, 00Zicky & Franchino

16
/ Dic
Sabato
2017

Mario Più, 00Zicky & Franchino

Location
Via Giuseppe Di Vittorio, 38 Brescia
Venue
Metempsicosi2017
Time
10:30 pm
Price
€ 15

MARIO PIÙ, 00ZICKY e FRANCHINO.. PRONTI PER L’ARREMBAGGIO LUNARE?

Torna l’appuntamento speciale con Metempsicosi insieme a tre dei protagonisti più amati della nightlife nazionale!

Dalla mezzanotte all’alba, la plancia di comando sarà affidata al trio e partiremo attraversando lo spazio tra le sonorità più deep tech e quelle techno, ripercorrendo in una sola notte le tappe della loro lunga carriera artistica. Impossibile mancare!

► Opening Act: RULERS

► Bside con Redrum

► PREVENDITA 15€ con DRINK incluso
► INTERO 15€ no DRINK incluso e no ACCESSO garantito

► TAVOLI DISPONIBILI
Alessandro 328 1259022
Alex 334 1286470

Hosted by Clique Worldwide – Redrum – Lattepiulive

BIO:

► MARIO PIÙ
Sperimentare per reinventare, per cercare un linguaggio nuovo, anche se le mie radici rimangono techno ed elettronica”. Questo risponde quando gli chiedono perche’ in arte Mario Piu’.
Mario (Livorno, 26 agosto 1965) del resto ama le sfide, ama misurarsi con se stesso e i propri limiti: ha iniziato giovanissimo la sua carriera e il suo infallibile intuito unito a una buona dose di creativita’ lo hanno aiutato a diventare Mario Piu’.�Oggi e’ dj, producer e remixer.
Il suo successo nasce dalla spontaneita’ del proprio sound: “La musica e’ un linguaggio universale che unisce come un filo sottile i ragazzi di tutto il pianeta. I ragazzi riescono a provare le stesse emozioni in Australia come in Finlandia e questo e’ stupefacente. Credo sia questo il segreto: rendere comprensibile a tutti il proprio messaggio”.�Mario Piu’ proviene dalla regione italiana che alcuni anni fa ha contribuito all’affermazione della techno nel nostro paese. Appartiene a quel movimento di dj e musicisti che hanno cambiato le notti della musica elettronica.
Ha suonato in tutti i club italiani piu’ conosciuti durante le stagioni di maggior successo: tra questi Insomnia, Imperiale, Aida, Ecu, Embassy, Bxr, Matrix e Jaiss. Soprannominato il “SuperMario Nazionale” dai suoi fan italiani, ora Mario Piu’ e’ da tempo “internazionale”, amato per il suo sound unico, per le sue produzioni, per i suoi set carichi di ritmo e di energia. Oggi lo ospitano i club piu’ prestigiosi d’Europa e del mondo, per citarne qualcuno: Temple (Dublino), U60 (Francoforte), Passion (UK), Privilege (Ibiza), Slinky (UK), Arc (New York).
E’ un dj del roster Gatecrasher, sempre piu’ impegnato nei tour: Malesia, Giappone, Stati Uniti e Canada, Sud America e Australia. Da molti anni Mario Piu’ e’ uno degli artisti di punta di Media Records, A+R dell’etichetta Bxr, sinonimo di elettronica italiana nel mondo.
Nel 1999 quinto posto nella Sales Chart inglese, grazie alle oltre 200mila copie vendute di “Communication” nel solo Regno Unito. Nel 2001 Mario Piu’ e’ entrato al 54esimo posto della DJ Mag Top 100, mentre in Inghilterra e’ stato soprannominato il Fatboy Slim italiano, per la sua creativita’. 2002: “The Vision”, un pezzo che ha sconvolto i dancefloor di mezzo mondo, diventando un vero e proprio successo da club suonato da Judge Jules, Pete Tong e Dave Pearce su Radio One e nei loro set. “Mathmos”, pubblicato su Sacrifice, ha invece conquistato Richie Hawtin.

Mario e’ uno degli artisti Metempsicosi, associazione composta da sei artisti di musica techno ed elettronica indipendenti, non una semplice agenzia: un vero progetto fondato su comunanza di idee, sound e amicizia.
Tra i suoi successi vanta anche diverse collaborazioni con produttori importanti: da Mauro Picotto, a Scott Bond sino all’amico e collega Joy Kitikonti. Con quest’ultimo ha creato “Light My Fire”, rifacimento in versione elettronica del celeberrimo pezzo dei Doors, e firmato con lo pseudonimo Roctronick Orchestra; sempre dal duo con Joy Kitikonti, Marikit, nasce “Mega Vixen”, omaggio ai film erotici degli anni Settanta e Ottanta, e precedentemente “And You”. Ed e’ sempre Mario Piu’ che si cela anche dietro i progetti firmati da DJ Arabesque, indimenticabile “Strance”, sempre frutto della collaborazione con Kitikonti. In occasione dell¹edizione 2003 dei Red Bull Italian Dance Awards ha ricevuto un Oscar come Best Techno DJ. Il singolo “Devotion – C’era Un Volta Il West”, riprende un classico di Ennio Morricone ed e’ accompagnato da un video curioso con scenografie alla “Gangs of NY” ha gia’ fatto ballare i dancefloor. Nel luglio 2003 Mario Piu’ ha prodotto la doppietta “Roraima/Logic Guitar”: la prima traccia si definisce come un tributo al Brasile, mentre la seconda, parafrasando le parole di Mario Piu’: “E’ un treno in corsa”, dice. Risalente alla fine del 2003 e’ “Incanto per Ginevra”, disco ispirato dalla nascita della figlia Ginevra.
Nel 2004 e’ la volta del singolo “Champ Elise’es” e dell’apertura della sua etichetta, Fahrenheit, con il debutto di “I Don’t Want To Come Back”, co-prodotto e remixato da Andrea Doria. Il 2005 si apre con il lancio delle edizioni musicali Mas Experience, la nascita di una nuova etichetta, la Richter, e il singolo ideato da Riccardo Sada e co-prodotto e remixato da Andrea Doria, “Tragically Lucid”, di Mario Piu’ + Lid Russel Bass.
Official Site: http://www.mariopiu.eu/

► 00ZICKY
Durante gli ultimi anni Zicky, una delle voci più amate della nightlife italiana, è diventato un apprezzato dj e produttore, con il nome di 00Zicky.
Dal 2000 ha pubblicato molti dischi, su alcune label di riferimento del genere, come ‘Madness’, ‘Follow Me’ e ‘She Wanna’ sulla famosa BXR, o ‘San Pedro’ e ‘Tropical Storm’ (Stereo Seven e MTM), fino a ‘Chiffon Club’ su Diva Records o le ultime su Clorofilla Records.

00Zicky è un artista eclettico ed originale che riesce ad utilizzare sia gli strumenti che la voce per dare alla musica un ritmo irresistibile.
Nel 2001, sotto lo pseudonimo di Backside Duo,un progetto tech house creato in collaborazione con Joy Kitikonti e Bimas, ha pubblicato un EP d 3 tracce – ‘Boomboo’, ‘Get Off’ e ‘Tiger’- sulla label internazionale WR Germany. Nel 2012 invece, in collaborazione con Giulio LNT ha riproposto ‘Lili Marlene’, una nuova edizione della famosa canzone di Marlene Dietrich. Come remixer ha firmato anche una versione di‘Renaissance’ di Jule Kass, pubblicato da Amazing nel 2013.

Nei suoi dj set, il suo particolare sound tech house è spesso combinato in modo originale con elementi provenienti dalla techno e dalla progressive house. Sempre attento alla pista, ama mescolare suoni, usando anche sampler, controller, kaos pad ed altri elements.
Zicky è uno degli artisti e soci di Metempsicosi, una realtà internazionale che oltre vent’anni di esperienza nellla nightlife in tutta Italia e nel mondo.

Sempre impegnato nel trovare nuove idee, ha recentemente ripreso le produzioni musicali con un nuovo socio, D.U.S., producendo ‘Fabbrica analogica’ per G Records, e ‘Insanity’, ‘Push’ e ‘Take My Mind’ per Clorophilla Records.

► FRANCHINO
Francesco Principato, in arte Franchino, e’ nato nel 1953 in un paesino in provincia di Messina. Appassionato da sempre di musica, ha iniziato come dj nel 1971, al “Seven Eleven” di Montelupo Fiorentino, dove e’ rimasto come resident per circa quattro stagioni.
Trasferitosi poi all’Isola d’Elba ha aperto un negozio di parrucchiere, per cui di giorno faceva i capelli e di notte il dj al mitico “Capo Nord” di Marciana Marina.
Per alcuni anni, fino al 1987, Franchino trascorse le stagioni estive all’Isola d’Elba per poi partire ogni inverno per il Brasile, dove oltre a trascorrere del tempo con la figlia Luna, era il cantante di un gruppo Blues di Arraial d’Ajuda, un paesino tropicale nel sud Bahia.
Verso la fine degli anni Ottanta, dopo alcune estati trascorse ad Ibiza, quando l’isola era il regno della trasgressione, dove andava ballare al Pacha, al Ku, all’Amnesia, si innamoro’ della musica elettronica. In quel periodo Franchino incontro’ Miky, Francesco Farfa, Mario Piu’, Ricky LeRoy e gli altri dj dell’Imperiale di Tirrenia, dove inizio’ per la prima volta a proporsi come vocalist. Mentre i dj si alternano alla consolle, Franchino prende il microfono e si cala nei panni del Cantastorie…”Quando ancora esistevano le Favole, le storie, le filastrocche… c’eras una volta tanti anni fa…”.
Ma cosa sono le favole per Franchino? “Le favole mi hanno sempre affascinato fin da bambino, perche’ stimolano la fantasia, essendo raccontate in modo da favorire l’immedesimazione dell’ascoltatore. Ho iniziato a raccontarle nel 1992, all’inizio della mia carriera da vocalist all’Imperiale, un club molto trendy, dove le persone si vestivano in un modo da favola e l’atmosfera era veramente felice, la gente si divertiva… era veramente una favola! Quindi mi e’ sembrato giusto iniziare a raccontare un’altra favola: la mia!” Le favole sono un mezzo di comunicazione e possono rivelarci qualcosa di noi stessi nel momento in cui ci immedesimiamo con il protagonista e raccontare favole in un contesto club, dove le parole si mescolano a suoni elettronici e pieni di effetti significa stimolare molto la fantasia del pubblico. Le sue favole preferite? Il Brutto Anatroccolo, che piace a tutti coloro che si sentono brutti, la Principessa sul Pisello, divertente perche’ spinge a fantasticare sul significato della parola pisello! Poi la Lampada di Aladino, perche’ a tutti piacerebbe trovare una lampada con un genio, mentre il Gatto con gli Stivali dimostra che si puo’ essere felici con poco. Ma quella in cui Franchino si rispecchia di piu’ e’ Pollicino! Quel bambino piccolino che lasciava cadere un sassolino dietro l’altro per non perdersi nel bosco… Ma e’ cosi’ difficile spiegare a parole la magica atmosfera che sanno creare le Favole di Franchino, che scriverne equivale inevitabilmente a banalizzarle. Franchino e’ stato resident poi all’Imperiale fino al 1994 e protagonista delle ormai storiche notti Insomnia dal 1995 al 2000, da li’ il BXR, il Matrix di Firenze, il Jaiss di Empoli ed ora il Matrix di Brescia e l’Alias di Firenze.. E’ parte attiva della Metempsicosi fin dall’inizio e socio del Matrix Club. Franchino e’ anche produttore discografico con molti dischi all’attivo, tra questi ricordiamo; Solidao, Transexual, Calor, 999.
Franchino e’ un amante della pesca e del Brasile, dove ha vissuto molti anni e torna ogni inverno.